14 novembre 2012

Liga. Messi meglio di Pelé: Barça ok col Maiorca

Il Barça torna il Barça ma non è più il Barça. Vince a Maiorca 4-2, ma lascia diverse perplessità ai suoi esigenti ma affezionati tifosi in tutto il mondo. Quello che è certo è che Messi ha scritto di nuovo la storia: con 76 gol nel 2012 ha battuto il record di reti segnate in un anno solare. Superando nientemeno che Pelé, lasciato a 75 reti. Una leggenda.

L’inizio di gara è ottimo. Joaquin Caparros, tecnico del Maiorca, avrà maledetto gli astri che hanno deciso di allinearsi in settimana, permettendo il successo storico del Celtic contro il Barcellona. Dura bissare l’impresa. Il club delle Baleari ci prova con una partita difensiva, onesta e attenta, e forse avrebbe meritato maggiore fortuna. Tito Vilanova ritrova finalmente Piqué nella linea a 4 dietro, con Busquets riportato davanti alla difesa, Xavi e Fabregas liberi di inventare, Tello preferito a Pedro, David Villa a lottare con i centrali lasciando spazio a destra a Dani Alves. Il 4-4-2 di Caparros cerca di limitare le sponde interne micidiali dei catalani, facendo allargare il gioco ai blaugrana e rallentandolo sensibilmente. E’ anche pericoloso il Maiorca: l’attaccante israeliano Tomer Hemed è il primo, di testa, sugli sviluppi di un corner, a sfiorare la modifica del tabellino: bravo Victor Valdes in tuffo al 20’.

Proprio però una disattenzione su un raddoppio centrale (fallo di José Martì) regala al Barcellona una punizione dal limite. Tutti si attendono Messi, Aouate dispone una barriera extra large e non vede partire il destro di Xavi, che si deposita alle sue spalle. Ferito, il Maiorca ha un calo mentale sul finire della prima frazione e prende due gol in un due minuti: prima papera clamorosa di Aouate su conclusione centrale di Messi, poi bella giocata di Tello.  Il Barça non sembra più il Barça per la flemma con cui rientra in campo. Il calo di concentrazione generale dei catalani ridà spinta al pubblico sempre caloroso del Son Moix. Segnano Pereira (55’), dopo un brutto errore in uscita di Mascherano e, per un chiaro mani di Busqets in area, Victor Casadesus su rigore (58’). Il match si riapre, il Barcellona sbanda dietro, ma non ne approfitta il Maiorca che buca due clamorose ripartenze molto interessanti. E viene punito. Proprio su una ripartenza. Sul tiro di Messi è però irregolare la posizione di Alexis Sanchez: l’ex udinese è in fuorigioco e ostruisce la visuale al numero uno avversario. Nel finale, prima sostituzione della stagione per Mascherano: Vilanova inserisce Bartra per i minuti finali, che tutto sommato scivolano via senza troppi sussulti e il Barça tenta la fuga

CARLO PIZZIGONI
Fonte: Gazzetta.it

Maiorca - Barcellona 2-4

Maiorca, 2: Aouate; Ximo (Marc Fernández, m.81), Geromel, Conceiçao, Bigas; Nsue, Martí (Fontás, m.73), Pina, Pereira; Víctor e Hemed (Alfaro, m.46)
FC Barcelona, 4: Víctor Valdés; Dani Alves, Piqué, Mascherano (Marc Bartra, m. 83), Jordi Alba (Montoya, m.86); Busquets, Xavi, Cesc Fábregas; Messi, Villa (Alexis, m.65) e Tello 

Nessun commento:

Sociable