30 maggio 2006

[recap] Svizzera - Costa d'Avorio 1-1

Ho avuto la fortuna di assistere a Svizzera - Costa d'Avorio nel bellissimo stadio di Basilea, il Sankt Jakob. Tanto entusiasmo per i rossocrociati: i bravi colleghi del Giornale del Popolo mi suggerivano che da molto tempo non se ne respirava di simile. Negli scorsi match, visti in tv, era evidente che la squadra di Kuhn avesse grossi problemi davanti: Frei rimane indiscutibile per mancanza di alternative: è qui riconosciuto come bomber infallibile, noi abbiamo altre idee. Contro gli ivoriani gli affiancano Streller, elemento molto generoso, sempre utile ma di poca qualità, . La Svizzera adotta un 442 (troppo) lineare con in mezzo Vogel e Cabanas, riciclatosi centrocampista centrale. Il reale punto di forza sono le fasce, specie a sinistra se verrà riproposta la catena Magnin-Barnetta, quest'ultimo, il giocatore di maggior classe dell squadra, ha realizzato il gol del vantaggio ma ha disputato solo un tempo e per giunta sottotono. Magnin è formidabile per continuità di spinta e sicurezza. A destra il CT sta provando diverse soluzioni: l'unico insostituibile ci pare Behrami: schierarlo da terzino come nel primo tempo del match per mantenere in campo il pupillo Gygax secondo noi ha poco senso ( e l'idea del kosovaro non è molto lontano dalla nostra). Riportato al suo ruolo di esterno destro ha prodotto iniziative ed è uscito verso fine partita tra gli applausi. Dietro, fenomenale Senderos, mai sotto fisicamente con Drogba, disastroso Zuberbuhler,canzonato dal pubblico e continuamente insicuro nelle uscite, . In mano ad altri tecnici, forse, si potrebbe sperimentare di più e gli amici svizzeri ci suggeriscono Hakan Yakin (se fisicamente e mentalmente presentabile) e Cabanas dietro un'unica punta con l'esperienza di Wicky e Vogel in mezzo.
Gli Ivoriani schierano una difesa lontana da quella titolare, senza Tizié, Kolo Touré e Eboué. Prezioso il contributo di Zoro a destra, molto meno quello di Copa, un portiere adatto allo straordinario dei flash e molto meno all'ordinario che infonde sicurezza. In mezzo, illumina Yayà Touré con la solita straordinaria partita, un po' in ombra Zokora con passaggi a vuoto non da lui. Gli Elefanti hanno però valide alternative in mezzo: prima Fae (autore di un bellissimo gol e adatto anche a giocare esterno) di Demel. La coppia Michel - Gili sceglie un centrocampo in linea con due levrieri ai lati come Akalé e Keita, che quando spingono devastano, in più a sinistra rimane intoccabile il terzino Boka, sempre più convincente, e arrivare sul fondo non è mai una fatica. Kalou, schierato punta dietro a Drogba, cerca troppo il numero ad effetto per i festosi fratelli ivoriani in tribuna. Le danze le menano gli ivoriani ma il risultato è giusto così: un buon test per buone squadre.

20 maggio 2006

[salastampa] Mourinho on Wenger (and more)

Dal Times di ieri

At last Mourinho finds praise for his rival

by frank praverman and agencies

Jose Mourinho put aside two years of sniping to commiserate with Arsène Wenger, the Arsenal manager, over their Champions League defeat. But true to form, the Chelsea coach still had time to take a swipe.

Mourinho was full of admiration for the way Arsenal's young players conducted themselves after going down to ten men in Wednesday's final against Barcelona when Jens Lehmann, the goalkeeper, was sent off.

He even admitted that Wenger deserves to win Europe's greatest domestic prize for everything he has achieved in football already.

"With the career that Wenger has behind him I feel he deserves to win the Champions League one day," said Mourinho. "You look at the first line coaches in Europe like myself, Ancelotti, Ferguson, Rijkaard, Benitez and perhaps they all have the luck to be European champions.

"I think Wenger deserved it and I did feel sorry for them. Arsenal played very well and it was hard for them to do more than they did. The players were very tired and were in no condition to change the result.

"I think English football can be proud of what Arsenal did in Paris because they played a very good game. I was not supporting any team in particular and was just hoping for a good game."

The former Porto coach was also glad that Thierry Henry, the Arsenal forward, had decided to remain in England.

"It is fantastic that he is staying in the Premiership," he said. "English football should be proud that we have Michael Ballack playing in this country and it is the same with Thierry Henry.

"I need the other teams to be weak and don't want them to be strong, but I am happy that he is staying. Of course Arsenal will be stronger with him but we want the Premiership to be the best.

"For me Thierry is a top player. When you talk about top strikers in the world he is in the first level of that. If Arsenal had to sell him they would sell him to Barcelona, Real Madrid or Milan. It would never be to a direct opponent in the Premiership.

"Arsenal have a good team and will be much stronger next year. They will not have the Henry story hanging over them because he will have a long-term contract."

But Mourinho left the season behind with a parting shot over young midfielder Theo Walcott, who was surprisingly included in England's World Cup squad despite never having played a game for Arsenal.

"If Walcott was at Chelsea he would have played more than he has at Arsenal," he said. "He has not featured for them but I would have played him in our last two games against Blackburn and Newcastle."

Meanwhile, Mourinho insists unhappy striker Didier Drogba and French defender William Gallas will not be allowed to quit the club, although he is willing to let Hernan Crespo, Eidur Gudjohnsen, Carlton Cole, Lenny Pidgeley and Glen Johnson go.

Drogba claimed he wished to move because he no longer enjoyed playing in England after being labelled a 'diver' last season. Gallas, who has one year left on his current contract, is frustrated at not being able to play in his more orthodox centre-back position.

However, Mourinho said: "Didier has two more years on his contract and he is one of the players I consider not negotiable - he has no possibility to leave.

"If he does not play with happiness, he does not play - it is the same with Gallas. I like Shevchenko but my feeling is Milan don't want to sell him and they will keep him.

"A lot of teams would like Drogba but they can't have him. That is the power of the clubs.

"Carlton is one of the players we are open for negotiations. I am not saying I do not want him here because that is not true.

"I'm not saying I want to push him away from Chelsea because it is not true. But I am saying that with a player like Drogba and another striker that we will buy for sure, his opportunities are not very good here.

"He is at an age where he needs to play football and we will try to find a good solution for him - either on loan or by selling him. We will try to find a solution. So we are waiting for clubs and possibilities to try and analyse what is best for him and best for the club.

"Because of the age of some of the players and they don't have so many opportunities at Chelsea, we can look for a different step for their careers.

"I don't want to push them, I am not saying I don't like them or trust them. I am not saying I am desperate to move them - that is not the case.

"They want more for themselves but the situation is not easy for them at Chelsea. For example Glen Johnson is a great boy but he has Paulo Ferreira and Geremi with a lot of experience in front of him.

"Robert Huth is the same thing. He is a player present in the World Cup but you look at him at Chelsea and he has Ricardo Carvalho and Gallas and John Terry ahead of him.

"You have Lenny Pidgeley's situation - he has played 100 minutes in the Premiership. How can a goalkeeper of 21 survive not playing football? So this is the kind of player we have to think about getting a solution that is good for him and the club.

"The position with Eidur is that he is a great football player. We want to keep him but we are open to speak with clubs about him if they show a real interest in him."

19 maggio 2006

[recap] Il Barça vince la Champions'

Qualche spunto dalla finale di Champions', dopo svariati anni finalmente una partita di calcio!

Ancora una volta non ho capito Rijkaard. Parte ovviamente confinando in panchina Iniesta a favore di Van Bommel. Una triste abitudine di questi mesi, pare su suggerimento di Cruijff, che ritiene troppo leggero il centrocampo blaugrana. L'olandese ex PSV fa la solita abominevole partita e mi chiedo cosa sarebbe successo se Van Gaal avesse fatto tale scelta: basta via gli olandesi! Van Bommel, un signor giocatore in un sistema come quello creato da Hiddink, fa molta più fatica nel Barça dove deve concedersi molte più iniziative individuali. L'altro olandese, Giovanni Van Bronckhorst, per sovrammercato, è appena presentabile. Il Barça in tutta questa stagione ha fatto poco affidamento sulla spinta dei terzini, quindi anche lui può andare, come va bene Oleguer a destra. Peccato che dopo un quarto d'ora ti sei ritrovato in superiorità numerica e con l'Arsenal che tendeva a chiudersi. Che fai? Aspetto più di un'ora a mettere un terzino di ruolo come Belletti? Mostri al mondo la totale inconsistenza di Oleguer quando deve crossare?
Entra Iniesta e subito diventa il padrone del centrocampo, l'unico propositivo, ma il Barça non si accende e se non avesse trovato quel magnifico gol di Eto'o saremmo qui a celebrare qualcun'altro. Ovviamente, tutti avrebbero criticato Rijkaard, mentre adesso viene incensato manco fosse un genio. E' la legge del risultato, bellezza. Stesso discorso vale per Larsson entra e il Barça gioca con tre punte di ruolo e Ronaldinho dietro, Wenger, che allena le situazioni, per non affondare piazza Flamini sulle piste del numero 10 e strategicamente vince, fato che ha costruito molto anche in inferiorità numerica. Poi c'è il paperozzo finale di Almunia e Belletti (dico Belletti) decide una delle finali di Champions' più belle degli ultimi anni. Gli dei del calcio si sono distratti.

11 maggio 2006

[recap] Coppa Uefa al Siviglia

A calcio si può ancora giocare. Veramente ottimo è stato il primo tempo del Siviglia, ieri, nella finale di Coppa Uefa vinta sul Middlesbrough. Avere esterni come Daniel Alves (contattato in passato dalla Juve e ora sulla via di Barcellona,ma come vice Cafu Parreira ci ha proposto Belletti, prima di lui) e Adriano (su di lui c'era tempo fa l'Inter) e utilizzarli in maniera propositiva significa allenare: bravo a Juande Ramos. Cedute le stelle Reyes e Julio Baptista per cifre spropositate (lo spagnolo è andato via per oltre 50 milioni di euro), il Siviglia ha costruito una squadra che gioca davvero un bel calcio. Maresca, ieri doppietta, Saviola, Escudé (il fratello del tennista): sono tutti buoni giocatori che quest'anno hanno avuto un possibilità e l'hanno sfruttata alla grande. Io, innamorato pazzo di Luis Fabiano da anni, fino alla blasfemia del paragone con Van Basten (ma chi nel 2004 era con me in Brasile mi dava ragione...), per una sera mi sono preso una rivincita: Mitico "Fabuloso".
Di seguito la cronaca del match del Diario de Sevilla e il commento di Alfredo Relaño su AS:

FRANCISCO JOSÉ ORTEGA Un siglo o cincuenta y ocho años, da igual, pero el Sevilla eligió la forma más brillante para reconciliarse con su historia. Campeón de la Copa de la UEFA, en el grupo de los cinco equipos españoles privilegiados que han logrado alzar un título en una competición continental, y además con una auténtica exhibición en el Philips Stadion para sacarse la espina. Porque quién puede negar a estas alturas que no hay manera más grande para proclamarse campeón, a tantos kilómetros de distancia de su casa, acompañado por 10.000 fieles y con un rotundo triunfo por cero a cuatro, un póquer de goles de diferencia para protagonizar una de las mayores goleadas que se recuerdan en una final de este tipo.

Eso es lo que deja para la historia el Sevilla 2005-06, el equipo construido por José María del Nido y Monchi, entrenado por Juande Ramos y dirigido sobre la cancha por un italiano llamado Enzo Maresca. Pero sería injusto dejarse en el tintero a uno solo de los integrantes de una plantilla en la que todos, absolutamente todos, han sido importantes y han tenido su momento de gloria. El Sevilla Fútbol Club inscribe su nombre en el palmarés gracias a un partido de fútbol espectacular, encauzado por un gol de Luis Fabiano en el primer periodo, con un paréntesis de sufrimiento en la primera media hora del segundo tiempo y una apoteosis final que ni soñar siquiera podía el más furibundo de todos los sevillistas.

Pero nadie debe engañarse, no le resultó fácil al Sevilla, sin embargo, adaptarse al medio. El terreno de juego estaba mucho mejor en apariencia que en la realidad, con la hierba muy resbaladiza y eso va en contra del equipo que trata de rasear el balón. Si a eso se le suma que la tensión, con los nervios consiguientes, también es un elemento esencial en una final, todos estos ingredientes mezclados en una coctelera dan como resultado un partido más equilibrado de lo previsto por aquellos que piensan que en el fútbol siempre dos más dos fueron cuatro. Es verdad que los blancos ofrecían mejores vibraciones, pero no se sentían a gusto del todo.

Juande Ramos, como era previsible, había apostado por Luis Fabiano en detrimento del renqueante Kanoute y el Sevilla siempre lo intentaba, cierto, porque Maresca acudía hasta los centrales para recibir el balón y, sobre todo, porque Adriano se acercó al Adriano de los mejores momentos. La izquierda, por tanto, era la salida cómoda del balón, al menos de mediocampo hacia adelante, ya que por la derecha Daniel casi engullía a un Jesús Navas al que aún le cuesta trabajo escapar de las presiones inherentes a las citas más trascendentes, aunque lo consigue con el paso de los minutos.

El arranque del Sevilla, de cualquier forma, era prometedor. Los minutos de tanteo que dictaminan todos los manuales de las finales los había pasado con un par de acercamientos hasta Schwarzer que pudieron acabar en mucho más de lo que lo hicieron. En uno de ellos, el guardameta australiano salvó un gol en propia meta de Riggott, en el siguiente Saviola no llegó a rematar un servicio de Luis Fabiano. ¿Y el Middlesbrough? Fácil, balones hacia las bandas, muchos de ellos errados y búsqueda constante de Viduka para que éste se chocara con los dos centrales, a discreción, y fuera capaz de provocar segundas opciones para sus acompañantes arriba. Afortunadamente para los blancos, rara vez iban a conectar.

La fase de tanteo había sido intensa y en el segundo segmento del encuentro, el que va del minuto 15 al 30, se produjo la primera gran noticia para el Sevilla. El criticado Luis Fabiano, aunque Juande esta vez apostó fuerte por él, le dio la razón a su técnico y cazó un buen centro de Daniel. Espectacular remate de cabeza, como los delanteros centro buenos, como ante el Getafe hace sólo una semana, golazo y el Sevilla, dentro del equilibrio existente, se había puesto por delante.

De ahí hasta el intermedio poco más se podrá contar, todo lo contrario que en el arranque del segundo tiempo. El Middlesbrough apostó fuerte por enloquecer el partido, por jugar a la ruleta rusa y estuvo a punto de acertar, ya que Palop salvó a los suyos en un momento clave con un paradón a Viduka, pero era muy poco lo que ponían los ingleses y sólo era cuestión de acertar en una contra. Tardó en hacerlo, cierto, pero llegó, vaya si llegó. Y Juande también se la jugó con los cambios, un diez para él.

El Sevilla protagonizó un tramo final pletórico, Maresca liberó a los suyos en una contra que ideó Renato y desde ahí la locura. El club del Sánchez-Pizjuán acaba con una maldición y vuelve a ser un grande de pleno derecho, entra en el lugar que le corresponde a los campeones y lo hace nada más y nada menos que en Europa. Fue la manera más grande, sin un solo pero posible. El Sevilla vuelve a ser campeón.El regista del Sevilla dio una verdadera lección sobre el césped del Philips Stadion. Maresca supo marcar los tiempos del partido, leyó el fútbol, llevó la pelota de un lado a otro, proporcionó oxígeno a sus compañeros y encima fue capaz de marcar dos goles para escribir su nombre con letras de oro en la centenaria historia del Sevilla Fútbol. En el primero, siguió la jugada de Renato y el remate posterior hasta remachar con un verdadero delantero centro; en el segundo, largó un zurdazo tremendo. Exhibición a lo grande.




Alfredo Relaño: ¡Qué gustazo! ¡Qué gran partido, qué gran victoria, qué gran alegría! Una victoria así, rotunda y hermosa, pero al tiempo trabajada y sufrida, colma el alma de hincha que todos ponemos en marcha en una noche así. Y en este caso premia con toda justicia una tarea bien hecha, una larga y callada tarea de años, trabajando en los bancos, en la cantera, en los fichajes. Aquel Sevilla vapuleado por las frivolidades de González deCaldas era anoche campeón de la Copa de la UEFA, brillante vencedor de una competición en la que ya parecía haber hecho mucho, pero en la que se había reservado lo mejor para la última noche.

Un partido grande, trepidante. Y un partido en el que el Sevilla siempre fue un paso por delante, porque desplegó tanta energía como el rival, pero también más juego. Al principio tuve la impresión de que el Sevilla se estaba apuntando a un ritmo demasiado alto, que me parecía más favorable para el Middlesbrough. Pero este Sevilla es un equipo bien cuajado, en el que Juande Ramos ha sabido sostener las virtudes de equipo macho y resistente que implantó Caparrós, pero al tiempo le ha añadido juego, cuotas de calidad para establecer la diferencia en partidos de tanto vuelo como este.

Cien años esperando este día, titulábamos ayer este periódico. Ha merecido la pena. Una noche así pocos se la pueden permitir. Un partido esforzado y duro, en el que hubo momentos también para sufrir, en el que no faltó la intervención milagrosa de Palop, pero que al final se abrió poco a poco a una goleada sonora, gracias a la inspiración de Maresca, a la autopista que Alves se construyó en su banda, al buen juego de todos. Sevilla, Sevilla, Sevilla, el equipo de la casta y del coraje. Cien años de bella historia honrados en la noche más grande, una noche que compensa tantos años esperando un nuevo título.

07 maggio 2006

[recap] Timão al bivio

Eliminato tra le polemiche in Libertadores dal River di Passarella, il Corinthians gioca oggi il classico con il San Paolo. Aria tesissima. Ieri scrivevo su Tuttosport:


Sono rimasti a lungo negli spogliatoio i giocatori del Corinthians dopo la sconfitta casalinga con il River Plate dell’ex Passarella (3-1) che segna l’uscita agli ottavi dalla Libertadores. Fuori, le intemperanze dell’esasperata tifoseria del Timão, deflagrate già all’85’ dell’incontro, quando l’intervento della Polizia aveva consigliato la sospensione del match all’arbitro Carlos Chandía. Principale bersaglio dei Gaviões da Fiel, la torcida più calda del Brasile, l’iraniano Kia Joorabchian, responsabile in Brasile del MSI, il fondo di investimento che gestisce il Corinthians e che farebbe capo al chiacchierato miliardario russo Boris Berezovsky. Protagonisti di campagne acquisti da sogno, pare già pronto a smobilitare in vista anche della scontata squalifica che priverebbe il Timão di una visibilità internazionale. Il cartello “vendesi”, nonostante le smentite di Kia, che a San Paolo ci deve pur vivere, si appende sul diamante più prezioso: Carlos Tevez, il giocatore strappato al Boca a suon di miliardi e divenuto dal primo giorno idolo della tifoseria paulista. Per vederlo, ieri notte si è spostato fino a San Paolo, José Mourinho, anche per le evidenti affinità tra il suo Chelsea e il Corinthians russo. Il portoghese nega qualunque interesse per l’asso argentino, ma la curiosità di vedere dal vivo il match non può giustificarsi con l’aggiornamento professionale. Decisivo all’andata con un fantastico gol, Carlitos ha continuato a lottare per tutta la partita cercando di elemosinare palloni per qualche giocata che una squadra ricca sì di talenti (da Nilmar a Carlos Alberto, ex Porto, Mascherano era squalificato) ma sostanzialmente senza allenatore (Ademar Braga fu assunto come “traghettatore” e non può avere credibilità) non poteva regalargli. Qualche giorno prima, in un’intervista poi corretta su suggerimento superiore aveva parlato di un suo prossimo futuro in Europa, dopo i Mondiali. Se il Chelsea passa, qualche squadra italiana può certo inserirsi: la maturazione di Tevez è avvenuta ed è prontissimo per una grande, mentalmente, tecnicamente e fisicamente. Nel bailamme ingestibile e non gestito del Corinthians ci sono però una serie di giovani giocatori che, vista la mala parata, potrebbero salutare Parque São Jorge. Quello più sottotraccia è Dyego Coelho (1983), terzino di buona corsa e dal destro spaventoso, mentre deve decidersi a esplodere Marcelo Mattos (1984), giovane centrocampista di qualità e quantità, ex São Caetano: forse qui troppo simile a Mascherano, possiede maggiori doti di passatore che un nuovo allenatore, al Corinthians o altrove, dovrà rendere più visibili.

03 maggio 2006

[figura] Sergio Aguero

E' sicuro che il Kun saluterà l'Argentina alla fine del campionato, ormai prossima. Sogno proibito di Zamparini, pare che l'offerta migliore (24 milioni di euro, il Bayern si era fermato a 20) sia giunta dall'Atletico Madrid, che piazza davvero un grande colpo.
Sul Guerin avevo tracciato un breve profilo del super talento del Rojo, eccolo:

“Kun, vamos a jugar” “Dale”. Cominciavano così tutti i pomeriggi di Sergio Agüero, per gli amici da sempre Kun, personaggio dei cartoni animati. Nei potreros più impolverati di Quilmes, si forma il più grande talento argentino che incanta nel campionato nazionale. Presto arriveranno le corazzate europee a prendersi il Kun, la cui storia ripercorre cliché che sembravano dimenticati. González Catán, Florencio Varela, Los Eucaliptos, l’odore di fritto e la paura dei quartieri poco sicuri hanno segnato le tappe della sua famiglia, sette fratelli, qualche cugino e uno stipendio, quello di papà, per tirare avanti. In cortile, in tornei infiniti dove partecipano anche adulti, impara a sentire la porta e a difendersi dall’entrate criminali ad altezza bacino: è rapido, diventa furbo e essenziale, i suoi cambi di direzione fanno ora impazzire difensori veri. Coordinato, fisico compatto, gran destro, un foglio di Gazzetta sopra il metro e settanta, Agüero è un attaccante che può adattarsi anche qualche metro più indietro. L’Independiente lo assume subito nelle Infantiles, il Kun esordisce a 15 anni in campionato e la società di Avellaneda lo trasloca nella tranquilla Don Bosco. La casa avrà presto un letto vuoto: ce l’hai fatta, Kun!

Sociable