29 novembre 2010

Il Fluminense batte il Palmeiras: è vicino il secondo Brasileirao della sua storia

Al Fluminense restano novanta minuti per preparare la festa. A meno di clamorosi e impronosticabili inciampi nella partita finale, da giocarsi in casa, domenica prossima all'Engenhao di Rio de Janeiro, contro la retrocessa Guarani, il Tricolor Carioca bisserà l'unico titolo brasiliano vinto nel lontano 1984. La pressione di questa penultima giornata sugli uomini di Muricy Ramalho non è mancata: impegnati contro il Palmeiras sono andati sotto dopo soli quattro minuti e lì le gambe hanno vacillato, anche se la torcida del Verdao era apertamente schierata con gli avversari. Tutto il mondo è paese: bloccare la capolista significava fare il favore più grande agli arci-rivali del Corinthians. Così una litania di insulti è stata sgranata ad ogni parata del malcapitato portiere del Palmeiras, Deola, che però alla fine si è arreso due volte e ha concesso semaforo verde al Flu (gol decisivo di Tartà, che ha surrogato Deco durante il match). Commento finale di Felipe Scolari, già non esattamente popolare a Palestra Italia per i cattivi risultati in campionato: "Oggi non ho visto i tifosi del Palmeiras, erano tutti per il Fluminense: scusatemi, ma questo per me non è calcio". (Continua su Tropico del Calcio - Flu vicino al titolo)

22 novembre 2010

Fluminense torna in testa, batte e festeggia coi tifosi del San Paolo per lo stop del Corinthians

Non è mai finita. Continunano le emozioni del Brasileirao 2010. Col Corinthinas bloccato a Bahia al Fluminense basta la vittoria contro il San Paolo per riprendersi la vetta della classifica, dove non molla nemmeno il Cruzeiro, che batte il Vasco ed è matematicamente qualificato per la Copa Libertadores. A due giornate dal termine, il match-ball ritorna sulla racchetta del Tricolor carioca, grazie ai tre punti contro il San Paolo, match deciso ancora una volta dalle giocate di Dario Conca, autore di una doppietta nel 4-1 finale. I tifosi festanti all'uscita dell'Arena Barueri non erano però solo quelli della nuova capolista: per i paulisti era vitale vedere vincere i rivali giornalieri per bloccare la corsa al titolo dei rivali di sempre, il Corinthians. (Continua su Tropico del Calcio - Flu ritorna primo)

16 novembre 2010

Un rigore discusso (procurato e realizzato da Ronaldo) porta in testa il Corinthians

Il rigore all'89' di Corinthians - Cruzeiro trasformato da Ronaldo potrebbe rappresentare la segnatura che decide il Brasileirao. A tre giornate dalla conclusione il Timao ritrova la testa grazie allo stop del Fluminense, bloccato in casa dal Goias. Infuriano però le polemiche: il penalty fischiato al Fenomeno fa discutere (insieme a due contatti in area tra il portiere del Corinthians Julio Cesar e l'attaccante del Cruzeiro Thiago Ribeiro, non meritevoli di alcuna sanzione secondo l'arbitro) e ha scatenato tutta la Raposa. (Continua su Tropico del Calcio - Timao primo)

08 novembre 2010

CALCIO GP, è in edicola il numero 9



E' in edicola il nuovo numero di Calcio GP, il settimanale del lunedì diretto da Giancarlo Padovan. Su questo numero 9 mi sono occupato della cronaca di Inter-Brescia e di Como-Cremonese, dell'analisi delle dinamiche interne della società inter in questo momento di relativa difficoltà e ho scritto un ritratto su Giuliano dell'Internacional.

Per comprarlo e leggerlo on line: vai QUI

02 novembre 2010

Il Fluminense e il Cruzeiro non sbagliano e restano davanti. Il Corinthians frenato dal Flamengo

Si è chiusa con le due capoliste, Fluminense e Cruzeiro, ancora appaiate la 32a giornata, cominciata mercoledì con un classico come Flamengo - Corinthians, in cui la squadra di Ronaldo non è andata oltre il pareggio, perdendo due punti importanti. Il Timao è ora a meno tre dalle leaders: ha aperto le marcature il Fenomeno che giocava contro la torcida di cui ha sempre fatto parte, che lo ha atteso per anni ed è rimasto a bocca asciutta dopo il voltafaccia dell'ex centravanti di Inter e MIlan che alla fine ha scelto il Corinthians come palcoscenico di addio. Il pareggio rubronegro è giunto nella ripresa per opera di Diogo: Vanderlei Luxemburgo, che ha rianimato il Mengo, ha abbandonato il 442 delle prime uscite in favore di un modulo offensivo con tre attaccanti ribattezzato DDD, dalle iniziali del nome dei tre attaccanti, lo stesso Diogo, lo strapagato Deivid e Diego Mauricio. (Continua su: Tropico del calcio - Flu e Cru sempre davanti)

Sociable