23 novembre 2012

Derby Allievi. La vittoria dell'Inter arriva da lontano

Difficile incrociare l'allenatore della squadra sconfitta che esordisce parlando della “bella giornata di sport” e dell' “assoluto fair play” in campo. Filippo Inzaghi, sconfitto 1-0 nel derby contro l'Inter, non recrimina sui due pali colpiti, non si appella alla sfortuna: riconosce i meriti dell'avversario ed è proiettato sulla successiva partita. “Anch'io faccio i complimenti al Milan – ricambia Salvatore Cerrone, allenatore nerazzurro. E' una bella squadra e ci ha messo in difficoltà, specie all'inizio. poi abbiamo ritrovato la nostra identità di gioco, quella che ci ha permesso di fare tante vittoria, ma il cammino è solo all'inizio, siamo solo alla decima giornata. Oggi, ci tengo a dirlo, si sono affrontate a viso aperto due ottime squadre, entrambe volevano vincere e ci hanno provato fino alla fine.”
Bello anche che una partita del genere abbia avuto una straordinaria cornice di pubblico. Familiari, amici, gli immancabili procuratori sportivi, più o meno famosi, ma anche tanti tanti appassionati. Segnale che il calcio giovanile possiede un respiro diverso, un senso di coinvolgimento che non si ferma allo spirito di parte, un interesse condiviso che rapisce anche spettatori neutrali, che hanno accolto con piacere anche l'iniziativa del sito Gazzetta che proponeva il match in diretta. Ha vinto l'Inter dopo novanta minuti di combattimento, ma senza nessun intervento scorretto, e si è guadagnata la nona vittoria stagionale grazie a una grande giocata di Simone Golia: da un suo uno contro uno sull'esterno è nato il gol di Dylan Romney. L'Inter ha giocato il suo calcio migliore, nella seconda parte di gara. Tutta la squadra ha beneficiato dell'entrata in campo di Federico Bonazzoli, un centravanti del 1997 promosso ormai stabilmente tra gli Allievi del 1996. Alcuni veri appassionati di calcio giovanile sugli spalti hanno ricordato gli esordi di Federico nei Pulcini C nerazzurri, la primissima categoria del calcio di base. I suoi compagni erano allora quelli di oggi: Matteo Lomolino, terzino sinistro, e Andrea Palazzi, centrocampista, due tra i migliore in campo anche nel derby. Dai pulcini C agli Allievi Nazionali e, pronosticano tutti, alla Primavera, poi chissà... Necessità economica o convinto e repentino cambiamento di rotta, è una politica che molte altre società stanno mettendo in atto, a cominciare dal Milan, che già quest'anno ha reso molto più combattuta la stracittadina in ogni categoria, e alcuni derby li ha conquistati meritatamente (l'ultimo, quello dei Giovanissimi Nazionali, proprio sul campo dell'Inter). L'Inter stasera festeggia anche guardando in Russia: un ex allenatore e un ex direttore del settore giovanile (Stramaccioni e Ausilio), più un numero considerevole di giocatori dell'attuale Primavera sono a Kazan per confrontarsi con il calcio europeo di alto livello. Il filo rosso unisce Prima Squadra e giovani, segno di un calcio che sta cercando di cambiare, nella direzione voluta dalle tante persone presenti ieri al derby di Interello.

CARLO PIZZIGONI
Fonte: Gazzetta dello Sport - Milano e Lombardia

 

Nessun commento:

Sociable