30 ottobre 2012

Premier. Everton - Liverpool 2-2 e spettacolo

Fonte: Gazzetta.it

Tiratissimo, finisce in parità, 2-2, il derby di Liverpool. L’intensità delle due squadre in campo regala ai fortunati spettatori una gara emozionante e divertente, un grande spot per il football.
Si comincia subito forte, al 13’, con il giovane spagnolo Suso che riceve sul centrosinistra, lascia spazio per l’inserimento al connazionale José Enrique e lo pesca in profondità: il cross teso del terzino attraversa l’area e sul secondo palo c’è Suarez a raccoglierlo. L’uruguayano tira al volo e incoccia la gamba di Baines, che infila la sua porta. Sette minuti dopo, errore di posizionamento dell’Everton su una punizione centrale di Gerrard che trova libero ancora Suarez davanti ad Howard: facile 2-0. L’Everton ha lo spirito della squadra britannica, gioca a ritmo altissimo e non si arrende mai. Pure british anche l’1-2: in mischia segna Oman dopo una respinta maldestra di pugno del numero 1 Jones. Britannico ma lucido in panca Moyes: insiste nel cercare di allargare la difesa avversaria, non efficacissima nel contenimento sui lati. Rodgers cambia la posizione degli avanti Sterling e Suso, ma nemmeno lo spagnolo riesce a evitare l’uno contro uno di Mirallas sul giovanissimo Wisdom (che nasce centrale, peraltro). Non arriva nemmeno il raddoppio di marcatura di Allen a sinistra e il belga è decisivo in una serie di situazioni, anche in quella che regala il 2-2 ai padroni di casa, con Fellaini che pesca Naismith davanti alla porta. Rodgers deve proteggersi, fuori l’abulico Sahin e il leggero Suso, dentro Coates, difesa a 3, e Shelvey in mezzo al campo. Le occasioni da rete si distribuiscono per tutto il secondo tempo, e nel recupero viene annullato, per un fuorigioco inesistente, un gol a Suarez. Alla fine solo applausi a Goodison Park: this is football.

Everton - Liverpool 2-2

Everton (4-4-1-1): Howard, Coleman, Jagielka, Distin, Baines, Naismith (Oviedo 6), Osman, Neville, Mirallas (Gueye), Fellaini, Jelavic. (Mucha, Hibbert, Heitinga, Hitzlsperger, Vellios) All. Moyes
Liverpool (4-2-3-1) Jones, Wisdom (Henderson), Skrtel, Agger, Enrique, Gerrard, Allen, Suso (Shelvey), Sahin (Coates), Sterling, Suarez. (Reina, Assaidi, Downing, Carragher) All. Rodgers



CARLO PIZZIGONI
Fonte: Gazzetta.it

Nessun commento:

Sociable