12 aprile 2012

Il Boca passeggia all’Engenhão e si qualifica

Fluminese (Bra) – Boca Juniors (Arg) 0-2

Non c’era in ballo la qualificazione, poiché il Fluminense l’aveva archiviata da tempo e il Boca, con il vantaggio in classifica sull’Arsenal e l’ultima gara da giocare contro lo Zamora, era sostanzialmente agli ottavi. Però Flu-Boca è sempre da vedere: il Tricolor, poi, ha una rosa che potrebbe portarla fino in fondo a questa manifestazione, il Boca non ha la profondità dei carioca ma qualche chances di arrivare molto lontano a giugno, anche solo per l’abitudine a giocare ad alto livello, la mantiene.
Abel Braga riproponeva l’ormai consolidato 4231, con Fred a fare da punto riferimento offensivo per le tre mezzepunte: solo però Wellington Nem gioca una nottata all’altezza della fama che si sta costruendo. Thiago Neves sbaglia troppo e il Flu propone calcio solo sugli esterni, per il solito grande lavoro di Bruno e Carlinhos. Il Boca accetta il ritmo lento degli avversari e raccoglie il regalo della (sempre più preoccupante) difesa del Tricolor andando in vantaggio con Cvitanich dopo mezz’ora. Mancando sostanza e idee in mezzo Abel prova a inserire Jean per Edinho, ma il ritmo non si alza e il Boca soffre il giusto: per tutto il resto c’è Orion. Rafael Moura e Lanzini certificano la profondità della rosa del Flu ma non cambiano la partita, chiusa da Sanchez Miño. La Libertadores, per entrambe, è però ancora lunga.

CARLO PIZZIGONI
Fonte: Tropico del Calcio



Nelle altre due gare della giornata, vittorie esterne per Corinthians e Velez. Il Timão vince bene, 3-1, ad Asunción contro il Nacional: partita più combattuta per il Velez che è corsaro, 2-0, all’Omnilife di Guadalajara. Chivas francamente scriteriato, con tanti giocatori offensivi (influenza Cruyff?)e poca sostanza: ennesima partita no del “Cubo” Torres. In gol anche l’ex genoano Pratto.

Nessun commento:

Sociable