22 aprile 2009

[Occhio a] Louis Clement Ngwat-Mahop

Attaccante di movimento rapido e dinamico, parte largo sulla fascia, preferisce accentrarsi cercando la triangolazione o proponendosi per la conclusione a rete piuttosto che raggiungere il fondo, svaria molto per creare spazio ai compagni. Più veloce che abile nel dribbling, conosce il calcio europeo grazie al Bayern Monaco, che lo preleva a 17 anni dal proprio paese natìo, il Camerun, dove giocava nella massima divisione nazionale vestendo la maglia del Dragon Club di Yaoundè. Un “diamante grezzo” secondo Hermann Gerland, allenatore della seconda squadra del Bayern Monaco, un impostore secondo il magazine Kicker e la dirigenza del club bavarese. Procediamo con ordine. Ngwat-Mahop conferma le proprie doti nella Regionnaliga Süd 2006/2007, gudagnandosi le attenzioni di Ottmar Hitzfeld, che lo precetta per la prima squadra. Nel maggio 2007 debutta in Bundesliga contro l’Energie Cottbus, poi inizia la preparazione estiva per la nuova stagione agendo come vice-Kroos, largo a sinistra (Ribery non era ancora arrivato...), nel 442. Il pasticcio avviene prima della partenza per una tournée ad Honk Kong; il camerunense dichiara di aver smarrito il proprio passaporto, battente bandiera francese (per giocare nella terza divisione tedesca è infatti necessario possedere la cittadinanza comunitaria). Viene scoperto che il documento è falso, appartenendo in realtà ad una donna residente a Parigi. Bufera in Germania. Dal campo si passa agli avvocati e alle carte bollate. Il Bayern rescinde il contratto che lo lega al giocatore. Lo “salva” il Red Bull Salisburgo, che ottiene dalla Fifa il placet per poterlo ingaggiare. Con Trapattoni fa la spola tra prima squadra e giovanili, con Adriaanse - tecnico eccellente nell’accrescere il rendimento dei singoli attraverso lo sviluppo di un sistema di gioco unitario, corale ed estremamente offensivo - diventa parte integrante dell’ambiziosa compagine austriaca. Esterno sinistro nel tridente, la sua velocità si integra bene con la fisicità delle punte Janko e Nelisse. La più che probabile partenza di Janko a fine stagione può rappresentare la grande chance da sfruttare.

ALEC CORDOLCINI

Red-Bull-Austria Kärntern 4-1 (Sandro (A), Ngwat-Mahop (RB), Janko (RB) 3)


Punto di forza: la rapidità e il continuo movimento

Punto di debolezza: da migliorare la lucidità sotto rete




Louis Clement Ngwat-Mahop

Yaoundé, 16/09/1987
Attaccante, 186 cm x 80 kg
Passaporto: camerunense
Club Attuale: Red Bull Salisburgo
Scadenza contratto: 2011

Nessun commento:

Sociable