21 maggio 2013

L'Inter e una stagione Strama



Andrea Stramaccioni è una anomalia del calcio italiano. Non solo perché a nemmeno 40 anni si è seduto sulla panchina dell’Inter.

Non per caso Strama ha ricevuto apprezzamenti da Bruno Conti, che lo ha allevato alla Roma, e da Arrigo Sacchi, che lo vorrebbe in Federazione. E’ bravo e preparato, ha grandi doti. Non si entra nello spogliatoio dell’Inter da debuttante ottenendo immediatamente stima e disponibilità, non si vince allo Juventus Stadium mettendo in campo tre attaccanti puri e sperimentando situazioni di gioco che hanno messo in difficoltà Conte e la sua truppa schiacciasassi.

Strama è un’anomalia anche perché incontrate le difficoltà, con infortuni a catena e incipiente crisi di risultati, ha continuato ad allenare. La maggior parte dei tecnici di esperienza, si sarebbe sistemato sottocoperta, avrebbe proposto un sistema chiaro e definito, anche un banale 4-4-2 senza fronzoli. E avrebbe portato la nave in porto.

Senza ambizione e profonda autostima non si arriva all’Inter a 36 anni. Ma non è per questo che Stramaccioni ha scelto la via più complicata.
E’ proprio la sua forma mentale, la sua idea di calcio che non glielo permetteva. Nella Primavera ha sperimentato le più moderne proposte calcistiche, specie in allenamento, per poi affidarsi alla concretezza di un trequartista come Daniel Bessa per sviluppare il suo attacco. Lo stesso percorso ha fatto in prima squadra, incurante pure delle resistenze ambientali sulla difesa a tre (trovando il miglior Ranocchia che si sia visto in nerazzurro). Allenare, Lavorare, Proporre: Strama è questo. L’esperienza dice che qualche volta è necessario altro.

Raggiunto il secondo posto ha commesso forse l’errore di sentirsi già completamente la squadra in mano. I convincimenti nei giocatori non erano abbastanza radicati, e una serie di infortuni in ruoli chiave (Milito per tutti) ha destabilizzato la squadra, che non ha più risposti ai suoi stimoli, ed è affondata. In maniera anomala e totale.

CARLO PIZZIGONI
Fonte: Sky - Speciale Calciomercato


Nessun commento:

Sociable